Blue Monday… ma per favore!

Oggi è il Blue Monday. Per chi non lo sapesse, secondo gli esperti, questo è il giorno più triste dell’anno. Il nome assegnato a questo lunedì 16 gennaio riprende un brano famosissimo dei New Order. Il motivo? Eccolo spiegato…

Come riporta il Daily Star, alcuni esperti, evidentemente molto avvezzi a trattare simili argomenti, hanno tenuto in considerazione la situazione climatica, i giorni trascorsi dal Natale (e dunque dai sollazzi delle Feste), i bassi livelli motivazionali ed i livelli dei debiti.

Prendendo in considerazione questi fattori una decina di anni fa, lo psicologo Cliff Arnall, all’epoca tutor presso la Cardiff University, ha realizzato un’equazione, il cui risultato è che il Blue Monday avviene di norma, il terzo lunedì di Gennaio, quando ci si rende conto che c’è ancora un lungo anno da affrontare.

Per evitare di incorrere in una depressione totale, gli esperti consigliano di mangiare molto, vestirsi in modo sgargiante ed ascoltare musica allegra. In Inghilterra, pare che il Blue Monday comporti un gran numero di astensioni dal lavoro, addirittura…

A far da contraltare, c’è il giorno più felice dell’anno, che capita in coincidenza col solstizio d’estate. Ma volete davvero attendere il mese di giugno per essere felici? Noi continuiamo a credere che la fortuna, e dunque la nostra felicità, ce la creiamo da soli, con l’impegno e la dedizione al nostro lavoro e alle nostre famiglie. Dopo tutto, come diceva il grande John Fitzgerald Kennedy “Gli uomini vincenti trovano sempre una strada, i perdenti una scusa”

E soprattutto qui in Italia, di tempo da perdere ne abbiamo davvero poco: siamo un popolo in difficoltà che deve rialzarsi e rialzare la testa. Di scuse ne abbiamo sentite fin troppe. Ci manca il Blue Monday… Mettiamoci al lavoro con impegno, perché, chi più chi meno, abbiamo tutti bisogno di questo lunedì 16 gennaio…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *