Parte il roadshow ICE-Agenzia

Il made in Italy all’estero è a tutti gli effetti un brand. I grandi marchi della moda, dell’enogastronomia e via dicendo sono in tutto il globo riconosciuti ed apprezzati. Ma il successo delle aziende italiane non può essere ristretto a pochi grandi nomi. Il roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri” patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico ed organizzato da ICE-Agenzia in collaborazione con partner a livello nazionale e locale, vuole trasmettere proprio questo messaggio.

Un’iniziativa importante, che vede per la prima volta insieme tutti i protagonisti (pubblici e privati) del Sistema Italia impegnati in un’azione congiunta di medio termine su tutto il territorio nazionale con l’obiettivo di accompagnare le aziende in un percorso di sviluppo, aprendosi ai mercati esteri in modo da individuare nuove opportunità di crescita per la propria attività produttiva.

Un processo prima di tutto culturale, per imparare ad affrontare la sfida di nuovi mercati senza incertezze, in modo strategico e pianificato.

Sono 27 le tappe, realizzate nel 2014 e nel 2015, che hanno toccato vari capoluoghi della penisola da nord a sud, in un lavoro capillare di contatto, per promuovere una nuova mentalità, aperta alla dimensione globale della propria attività produttiva. Altri 19 appuntamenti sono in programma per il 2016, a partire da Sondrio, il prossimo 19 febbraio presso il Teatro Sociale e proseguire poi con Parma, previsto il 3 marzo.

Il roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri” è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’ICE-Agenzia, a SACE e a SIMEST, l’evento si avvale della collaborazione di Confindustria, Unioncamere, Rete Imprese Italia e di Alleanza delle Cooperative Italiane.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *