,

Edifici ecosostenibili con soluzioni wireless:
non è utopia!

EnOcean Alliance, con il supporto dei suoi partner Beck, Caleffi, Honeywell, Oventrop, Overkiz e Termokon, presenta un’ampia gamma di soluzioni wireless per edifici ecosostenibili alla Mostra Convegno Expocomfort, che si svolgerà dal 15 al 18 Marzo 2016 presso la Fiera di Milano a Rho.

Durante la manifestazione, i partner presenteranno prodotti e soluzioni che integrano la tecnologia wireless auto-alimentata di EnOcean. Negli edifici ecosostenibili sarà possibile installare, in modo semplice e con tempi ridotti, i diversi dispositivi basati sui sensori wireless autoalimentati, quindi senza batterie, che consentono una flessibilità unica, nessun costo di manutenzione e la possibilità di misurare l’energia utilizzata e il risparmio sui costi.

Le soluzioni wireless ricavano energia dall’ambiente circostante – dal movimento, dalle luci o dalle differenze di temperatura – e la producono in completa autonomia, utilizzando specifici sistemi di automazione che non necessitano di alcun tipo di manutenzione. L’utilizzo di “harvesting energy” e la tecnologia wireless permettono di ottenere significativi risparmi nel consumo di energia e una riduzione dei costi operativi attorno al 40%. La tecnologia EnOcean è attualmente utilizzata in oltre 350.000 edifici in tutto il mondo, assicurando maggior flessibilità e un minor consumo di energia.

La tecnologia “energy harvesting” si basa su dispositivi in grado di convertire l’energia presente nell’ambiente in energia elettrica e offre la più ampia compatibilità con gli standard tecnici già esistenti, assicurando l’interoperabilità con le varie soluzioni offerte dai produttori finali. Attraverso un articolato e completo programma di formazione oltre che a un vasto portafoglio di modelli e di piattaforme di sviluppo, in dieci anni EnOcean ha creato un ampio consenso e seguito e attualmente sono oltre 400 le imprese partner presenti con un’offerta complessiva di più di 1.500 dispositivi interoperabili tra di loro.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *