Alfa Romeo Duetto: il mito compie 50 anni

Cinquant’anni e non sentirli. No, non stiamo parlando di un supermanager, ma di un’icona che per ogni uomo che si rispetti ha rappresentato e rappresenta tuttora un qualcosa di particolare. Parliamo della mitica Alfa Romeo Duetto.

Un mito reso immortale dal film “Il Laureato”, fu presentata al Salone di Ginevra nel marzo del 1966 ed è stata un grande successo commerciale, soprattutto negli Stati Uniti. E ancora oggi, è tra le vetture più ricercate non solo dagli appassionati di auto ma anche dai cinefili più incalliti. Sul sito Autoscout24 ce ne sono circa 260 in vendita.

Carrozzata dal grande Pininfarina, è stata una delle pochissime Alfa Romeo, se non l’unica, a fare breccia nel cuore degli americani. Quando è uscita di produzione, nel 1994, su oltre 120 mila auto assemblate fra il Portello, Arese e Torino, ben 40 mila sono state vendute Oltreoceano: un vero record.

All’inizio fu chiamata “Spider” dalla casa milanese, mentre il nome “Duetto” le fu dato soltanto nel luglio del 1966 dopo un concorso pubblico lanciato sulle più rinomate riviste dell’epoca. Il nome fu proposto da un certo Guidobaldo Trionfi, che la spuntò su oltre 140 mila concorrenti. Alla fine, però, per un caso di omonimia con un prodotto dolciario, questo nome non poté essere utilizzato ufficialmente anche se da allora, per tutti, la due posti Alfa è sempre stata il “Duetto”.

Anche lo sbarco negli USA rappresentò per l’epoca un vero e proprio evento, studiato fin nei minimi particolari dalla casa automobilistica italiana. Tre vetture sono imbarcate sul transatlantico Raffaello, una delle più eleganti e veloci unità della marina mercantile del Bel Paese, vero vanto della cantieristica nazionale, e sbarcate nel porto di New York fra il clamore della stampa specializzata. È subito amore per gli americani che un anno dopo, nei cinema di tutti gli Stati Uniti, vedranno la piccola italiana di uno splendido rosso fiammante sfrecciare per le strade californiane sulle note della musica di Simon & Garfunkel.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *