5 professioni che spariranno nei prossimi anni

Il web sta cambiando il mondo, così come i nuovi sistemi di comunicazione, di gestione, di amministrazione. Tutto cambia ed il tempo è il fattore X dell’evoluzione tecnologica. Secondo il Financial Times, anche il mondo del lavoro cambierà moltissime ed alcune professioni sono destinate a scomparire. Non ci vorrà molto, si parla di un decennio al massimo, ed alcune delle figure professionali che oggi sono in auge, sono destinate a lasciar spazio al nuovo che avanza.

Ma quali sono i professionisti a rischio estinzione? Secondo l’autorevole media americano sono cinque le professionalità che andranno a sparire nei prossimi anni, ecco quali:

I consulenti finanziari. Saranno direttamente i siti web, con la gestione dei loro algoritmi ad assorbire questi professionisti.

Le agenzie di viaggio. I viaggiatori fanno sempre più ricorso alle agenzie online per i loro spostamenti, siano essi di piacere che di affari. Il motivo? Sono più dirette, interattive ed economiche. Per questo con ogni probabilità l’acquisto dei viaggi diventerà unicamente possibile online.

I meccanici. Potrà sembrare incredibile ma è così. Secondo il Financial Times l’era dell’auto elettrica è ad un passo dal divenire una realtà e certe figure specializzate diventeranno obsolete, proprio per le caratteristiche delle nuove vetture.

Produttori di componenti industriali. Con l’arrivo delle stampanti 3D a buon mercato, saranno molte le aziende che produrranno direttamente le componenti che occorrono per far funzionare i propri prodotti.

Gli assicuratori di polizze RC. Con l’arrivo delle automobili a guida autonoma, si prevede l’annullamento (o quasi) degli incidenti e dunque questo tipo di polizza non servirà più.

Insomma, una grossa fetta di “popolazione lavorativa”, sarà costretta a trovarsi un nuovo modo di tirare avanti. È il prezzo della crescita e dell’evoluzione. Sarebbe forse il caso di iniziare a pensare fin da ora a delle alternative, possibilmente iniziando ad istruire i giovani ad un nuovo mercato del lavoro.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *