,

Alessandro Bertino: “LoveLab, un progetto al 100% made in Italy!”

Alessandro Bertino LoveLab

LoveLab, è la prima azienda tutta italiana che produce cosmetici per il piacere sessuale della coppia. Un progetto innovativo, che vanta nella propria gamma tutti prodotti naturali, sicuri, testati e b, che vantano un design giovane, divertente, elegante nel suo essere leggermente retrò, ma sopratutto non volgare. Oltre che online, i prodotti di LoveLab si possono trovare in profumerie, farmacie, alberghi, grandi magazzini, boutique di lingerie, concept store e negozi lifestyle, a prova della trasversalità del marchio e del suo pubblico. Noi abbiamo intervistato Alessandro Bertino, uno dei  manager responsabili di LoveLab.

Come nasce l’idea di LoveLab? 

LoveLab nasce principalmente da una ricerca di mercato, stavamo guardando dei dati su settori che in questo momento di crisi riportano comunque segni positivi ed è saltato all’occhio il campo del sex entertainment, ovvero tutto ciò che ha a che fare con il ses-so. Abbiamo così deciso di studiare che genere di aziende e prodotti sono in commercio, scoprendo che solo una minima parte di queste è un vero e proprio brand con un progetto a lungo termine. L’attenzione per la qualità, il design, l’innovazione e la ricerca sul prodotto, punti fondamentali per ogni azienda, in realtà in questo settore sono molto trascurati se non addirittura neanche presi in considerazione, salvo qualche eccezzione ovviamente. Si è così deciso di creare una gamma di prodotti che potesse essere accettata da tutti, eliminando ogni riferimento imbarazzante, puntando sulla qualità (e con un’occhio al bio) e su un’immagine colorata e divertente.

Ci può presentare brevemente i vostri prodotti principali?

Attualmente siamo in commercio con una gamma di cosmetici e con le coppette mestruale, ma a breve saranno disponibili anche altri prodotti oltre a dei bellissimi sex toys di design, colorati e per nulla volgari. Quando diciamo cosmetici, intendiamo una serie di creme e gel che vengono in aiuto alle più svariate “necessità”, da chi ha problemi di durata fino ai più raffinati che cercano un lubrificante bio (lo proponiamo addirittura con acido ialuronico). Abbiamo prodotti specifici per lui e per lei.

Sul vostro sito www.yourlovelab.com sottolineate la qualità dei prodotti, tutti Made in Italy, ci può parlare meglio del processo produttivo? 

Una cosa che ci ha colpito quando eravamo in fase di studio, è la scarsa chiarezza di informazioni su ciò che c’è in vendita. La maggior parte di ciò che è in commercio, è prodotto all’estero, le istruzioni non sono in italiano (per lo più in tedesco e olandese) e sopratutto non esiste una politica di prezzi chiari e ufficiali. Abbiamo così deciso che LoveLab, oltre ad avere prezzi chiari e un listino uniforme, deve essere un progetto al 100% italiano. Produciamo tutto in Italia, dalla scatola fino al tappo del flacone. Oltretutto a riguardo la qualità, gli ingredienti dei nostri prodotti sono tutti segnati in verde sul biodizionario. A prova di integralisti del bio.

Il tono della vostra comunicazione è sempre molto leggero, ben lontano dalle ambiguità un po’ oscure che in passato appartenevano a certi prodotti “per la coppia”, ce ne può parlare?

Ancora oggi la maggior parte dei prodotti per la coppia appartiene a questo mondo “parallelo”, dove bene o male tutti quanti, quando siamo nella nostra intimità o con il nostro partner, ci ritroviamo. Purtroppo però da un punto di vista commerciale, certe cose non possono essere rese pubbliche o uscire da un “recinto” ben delimitato. Pena, si entra nel volgare, nella pornografia, nel socialmente inaccettabile e di conseguenza nel difficilmente vendibile. Le aziende che producono questo genere di articoli non si sono mai poste il problema di commercializzare i loro prodotti al di fuori di certi canali di vendita (sexy shop ed ultimamente online) e diciamo che dal punto di vista del de-sign e dell’immagine non ci vanno molto per il sottile, lasciando poco spazio all’immaginazione. Con LoveLab abbiamo deciso l’esatto contrario, creando prodotti che per prima cosa potessero essere accettati da tutti e venduti nei canali di vendita tradizionali. Su ogni cosmetico o prodotto LoveLab non si troverà mai un qualcosa di esplicito o volgare, ma tante pinup, righe colorate e perfino teschietti!

I dati indicano che sempre più italiani utilizzano questo tipo di prodotti, sopratutto donne e giovani. Chi sono e dove sono i vostri clienti?

Questa cosa ci ha veramente stupito. Quando abbiamo iniziato e capitava di entrare nel discorso LoveLab, pensavamo di trovarci di fronte a sguardi stupiti o imbarazzati, invece nel più dei casi il commento è stato “ah figo, speriamo che sia meglio di quello della ditta tal dei tali, perché appiccica” oppure “bellissimo, mi appena li hai portameli perché ho finito il lubrificante”. Diciamo che interesse e curiosità non sono mancati! E molte volte abbiamo trovato persone più esperte di noi. Per quel che riguarda il cliente tipo è difficile da identificare, c’è veramente di tutto. Bilanciato al 50% tra uomini e donne e con una fascia di età che va dai 25-26 fino ai più “stagionati”…

Siete già presenti nella grande distribuzione e presto lo sarete in molte farmacie. Che progetti avete per il futuro? Avete intenzione anche di vendere all’estero?

Per il futuro ci concentriamo a far uscire prodotti nuovi, abbiamo già in cantiere parecchie cose divertenti. Un cosa che ci piacerebbe moltissimo e che sicu-ramente faremo quando saremo pronti con i sex toys ed altri prodotti che stiamo ultimando, saranno dei concept store di LoveLab, dove si può trovare tutto il “necessaire” sempre in chiave ironica, divertente e colorata. L’esperienza non deve essere molto diversa da quella di entrare in un negozio di caramelle. Per l’estero riceviamo spesso richieste di distribuzione, qualcuna la stiamo anche valutando in questo periodo, ma principalmente ci concentriamo sul nostro paese. C’è tanto da fare. E da cambiare.

 

Tratto da Uomo&Manager di Aprile 2017

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *