AppleWatch e doppio iPhone6: Cook rilancia alla… Jobs

iphone6_applewatch

Apple torna ai fasti dell’era Steve Jobs. E da Flint, stesso luogo in cui il cofondatore della Casa di Cupertino svelò il Mac, Tim Cook, CEO di Apple, ed i suoi collaboratori hanno presentato a tutto il mondo i nuovi iPhone 6 e iPhone6 Plus. Ma anche l’attesissimo AppleWatch. La Mela ha rilanciato e lo ha fatto alla grande.

Andiamo per ordine. Il sipario si è alzato sui due nuovi melafonini: design elegante, più sottili del precedente modello, sono subito apparsi in pieno stile Apple. Sarà disponibile nei colori oro, argento e grigio siderale. Come previsto, sono state mostrate le due versioni: quella con schermo da 4,7 pollici e con schermo da 5,5, entrambe con diplay retina HD. Una delle grandi novità è il processore A8 da 64 bit, ben 50 volte più veloce rispetto al primo iPhone e del 25% rispetto al 5S. Il pulsante di accensione è posizionato di lato alla scocca, invece che sulla parte superiore. La fotocamera rimane da 8 megapixel, ma l’autofocus è ora molto più rapido ed il flash ha una doppia tonalità. Ovviamente il tutto girerà sul sistema operativo iOS 8, grazie al quale è possibile riorganizzare in orizzontale la schermata delle applicazioni. Negli Stati Uniti il prezzo d’attacco sarà di 199 dollari (con contratto). In Italia dovrebbe arrivare per la fine di ottobre, mentre in altri Paesi sarà già disponibile dal 19 settembre.

“È il device più personale che abbiamo mai creato”. Con queste parole Tim Cook, ha presentato anche l’attesissimo AppleWatch. Facilmente gestibile grazie alla Digital Crown, permette di visualizzare i contenuti con grande facilità. Dalla posta elettronica ai social network, tutto al polso ed in modo raffinato come solo Apple sa fare. È prevista una versione d’oro, sarà disponibile da gennaio 2015 ed il prezzo base darà di 349 dollari.

 

Altra grande novità è l’Apple Pay, il nuovo sistema di pagamenti creato dalla casa di Cupertino per permettere a tutti noi dii dimenticarci a casa il portafogli e le carte di credito. All’esordio, sarà accettato come metodo di pagamento in 220.000 negozi negli Stati Uniti, tra cui McDonald’s, Subway, Whole Foods, Disney Store e ovviamente gli Apple Store. Il sistema di sicurezza si baserà sulla lettura delle impronte digitali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *