,

Bruno Mattucci, AD di Nissan Italia, premiato come manager della mobilità elettrica

Bruno mattucci

Nissan, come abbiamo visto più volte in queste pagine, è una delle aziende dell’automotive più attive nello sviluppo di veicoli che favoriscano una mobilità sostenibile, in particolare quella elettrica. Sono tanti i riconoscimenti ottenuti in tale ambito dalla Casa giapponese, l’ultimo è stato assegnato a Bruno Mattucci, Amministratore Delegato di Nissan Italia, nell’ambito della presentazione della 70esima edizione del Roma Motor Show, dalla rivista Motor: il Premio Motor 2017 come Manager per l’attività svolta nello sviluppo della mobilità elettrica. 

La motivazione di assegnazione del premio risiede nell’impegno profuso dall’Amministratore Delegato di Nissan Italia Bruno Mattucci nella promozione e sviluppo della sostenibilità ambientale tramite numerose attività con le istituzioni, i media e i clienti sul territorio nazionale in linea con la visione Nissan di una Mobilità Intelligente, più sostenibile, sicura e connessa.

Bruno Mattucci ha dichiarato: “Sono lieto di ricevere questo importante premio, perché riconosce l’impegno di Nissan nella promozione di soluzioni di mobilità sostenibile. Nissan è leader mondiale della mobilità 100% elettrica e crede e investe da anni nella mobilità a zero emissioni, l’unica soluzione oggi reale, efficace e già disponibile”.

Nissan presenterà nei prossimi mesi il nuovo modello della iconica Nissan LEAF, la prima auto 100% elettrica prodotta in serie e la più venduta al mondo con oltre 270.000 unità circolanti a livello globale.

Ancora una volta pioniera la nuova LEAF non solo avrà un nuovo design e una maggiore autonomia ma sarà anche equipaggiata con l’avanzata tecnologia di guida autonoma ProPILOT 1.0, per offrire ai clienti maggiore fiducia in termini di sicurezza, controllo e comfort, sia per il conducente che per i passeggeri, eliminando così alcuni dei compiti più noiosi o stressanti tipici della guida nel traffico.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *