Businessman d’estate

È il momento di cambiare tessuti, o modo di vestirsi? Le temperature iniziano a farsi davvero bollenti e vestire come un mese fa è assolutamente impossibile. Ma non bisogna mai perdere d’occhio il proprio stile ed il proprio appeal. Vi proponiamo tre linee di abbigliamento di brand davvero all’avanguardia per il moderno businessman d’estate.

Si sviluppa attorno all’abito tre pezzi tutta la collezione estiva di Gabriele Pasini. Rivisitato con tessuti originali, sia tradizionali che innovativi e con fantasie che richiamano la sartoria anni 60’ appare davvero glamour nelle sue varianti occhio di pernice, principe di Galles, gessati, e quadri realizzati in tessuti bouclé. Il must dell’estate? Per lo stilista è una texture esclusiva e ariosa per la giacca camicia, ispirata da Wimbledon anni 30’. “L’old style” è interpretato nella maglieria a treccia, nelle t-shirt con stampe esclusive,nelle sciarpe in lino/cotone. Tutto indossato su pantaloni over.

Un viaggio in Costa Azzurra, da Montecarlo ad Antibes, con sosta a Saint Tropez: questa è la nuova collezione Primavera/Estate 2016 di Lardini. Una splendida reinterpretazione del classico guardaroba del gentleman in vacanza, fatto di abiti morbidi in lino, giacche a righe breton, blazer di cotone bouclé in check scozzesi rivisitati e ampi pantaloni bianchi. Tutto è attraversato dai colori iconici del bianco e del blu, oltre alle cromi naturali come il beige e il sabbia.

I diversi momenti della vita di tutti i giorni sono stati la fonte ispiratrice dellispirazione per la collezione primavera estate 2016 di Wooster+Lardini. Costruita su tre figure di uomini differenti: l’uomo alla ricerca dell’eccellenza sartoriale; l’uomo comunque attento al dettaglio e l’uomo casual. L’esasperazione dei dettagli è uno dei temi più cool della collezione: dalle pieghe più profonde, ai risvolti più alti e al cavallo del pantalone più basso. Le maniche sono tagliate e i colli sono lasciati mentre le magliette sono a strati.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *