Con un lascito all’UNICEF sarai per sempre al fianco dei bambini più poveri della Terra

Lasciare una traccia del proprio passaggio su questa Terra, magari aiutando qualcuno che rimane a vivere in modo dignitoso.  È questo il senso della campagna dell’UNICEF de “I Lasciti Testamentari”, ovvero un invito a considerare la possibilità di fare un lascito solidale per salvare la vita dei bambini più poveri e indifesi della terra.


Il testamento solidale può essere sotto forma di somma di denaro, tra cui anche titoli azionari e fondi di investimento, beni mobili come opere d’arte gioielli e arredi, beni immobili come un appartamento un terreno o un fabbricato, l’intero patrimonio una polizza vita. Nessuno di noi può essere considerato un Santo, ma dando una mano certamente ci potremmo appalesare per chi soffre come un angelo venuto dal cielo.

Il testamento può essere scritto in ogni momento e può essere sia olografico (scritto di proprio pugno) che pubblico (redatto da un notaio alla presenza di testimoni). Inoltre è sempre possibile modificarlo, annullarlo o sostituirlo e produce effetti solo al momento dell’apertura della successione.

Il Comitato Italiano per l’UNICEF nasce ufficialmente nel 1974 ed è parte integrante della struttura globale dell’UNICEF – Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, l’organo sussidiario dell’ONU che ha il mandato di tutelare e promuovere i diritti di bambine, bambini e adolescenti (0-18 anni) in tutto il mondo, nonché di contribuire al miglioramento delle loro condizioni di vita. Dunque da sempre al fianco di chi ne ha bisogno di chi soffre. Dare una mano è un dovere di tutti per il bene del mondo.




0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *