Fugacemente.it: il business delle Escape Rooms

Avete mai sentito parlare di Escape Rooms? Trattasi di un gioco da fare da soli o con più persone, nel quale il protagonista si ritrova rinchiuso in una stanza e deve trovare il modo per uscirne. Il tutto in un’ora. Ebbene, avete idea di quante persone amino questo genere di attività ludica? Ovviamente sulla base di questo, era impossibile non metterci su un business. Riccardo Zerbo, giovanissimo manager genovese, lo ha fatto e ha creato Fugacemente.

Con un’investimento minimo, infatti, Fugacemente offre la possibilità di creare le proprie stanze, supportando il cliente in ogni tipo di problematica da risolvere: dalla location agli allestimenti, dalla promozione all’assistenza, passando per la gestione del marketing e del web marketing. Tutto questo senza dimenticare l’assicurazione di poter utilizzare un brand già ampiamente conosciuto. Gli investitori, infatti, possono aprire le proprie sedi Fugacemente, attraverso il sistema del franchising ed avere a disposizione tutto il know-how di un’azienda moderna e al passo con i tempi e che soprattutto ha compreso in anticipo le nuove tendenze in questo ambito.

“Non crediamo che in questo settore abbia senso ‘pagare per un marchio’, quale che sia, mentre è giusto pagare per quei servizi che possono rendere vincente un business: Fugacemente offre la più ampia gamma di servizi sulla piazza, ed un rapporto qualità/prezzo molto conveniente”, ci dice Riccardo Zerbo, amministratore unico di Fugacemente.

Investire in questo business richiede certamente grande spirito imprenditoriale, ma soprattutto voglia di farlo fuori dall’ordinario.

“Fugacemente risponde ad un bisogno di ‘completezza’ ed alza l’asticella in termini di professionalità del settore. Puntiamo non solo ad aumentare il numero degli utenti, ma anche quello dei soggetti interessati a gestire questa attività”, continua Riccardo Zerbo.

Insomma, un nuovo business che sfrutta la nuova passione per il gioco, con le Escape Rooms che stanno prendendo sempre più piede nel nostro paese.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *