“Governance ed organizzazione”: siano i vertici a dare l’esempio

convegno_16set14

Si è svolto nella nuova sede dell’Unicredit il convegno “Governance ed organizzazione” focalizzato sull’importanza della governance e dell’ambiente interno, e sulla necessità che, all’interno di un’impresa, il buon esempio parta dai vertici societari e dal commitment se si vuole avere un’impresa destinata a durare nel tempo.

Introdotti da Paolo Citterio, Presidente Nazionale GIDP, hanno preso la parola importanti personaggi del mondo dell’imprenditoria, a cominciare da Enrico Maria Bignami, della Bignami Associati. “Molto spesso la governance viene associata a termini come burocrazia e complessità: niente di più errato. Rappresenta semplicemente come le imprese sono dirette e controllate, che è la base fondante di qualsiasi impresa; inoltre, la governance diventa cruciale quando ci si trova in difficoltà. Grazie ad una governance ottimale, inoltre, molto spesso si riesce a preservare sia l’azienda che il capitale umano, riducendo quindi il problema dei tagli al personale, tema quanto mai attuale, soprattutto in questo periodo”.

Federico Butera, Presidente IRSO,  ha aggiunto:“Le aziende, oggi più che mai, devono riuscire a creare un proprio paradigma, devono diventare vere e proprie strutture sociali, ricche di valori. Fondamentale è inoltre la flessibilità, il sapersi adattare ai sempre più frequenti sbalzi e turbolenze del mercato, sapendosi reinventare a livello strategico. Tutto ciò è possibile attraverso la cultura e la formazione, facendo in modo che gli obiettivi aziendali coincidano con gli obiettivi personali di ogni risorsa”.

A testimonianza di quanto detto ed affermato, è stata poi presentata la case history dell’azienda Biancamano, che opera nel settore dei servizi di igiene urbana, che grazie a un profondo cambiamento culturale e organizzativo, ha potuto affrontare un momento di crisi essendo più forte e determinata di prima. “Ma non bisogna pensare al da farsi a livello di governance solo quando ormai l’impresa è in crisi: è invece necessario anticipare la congiuntura sfavorevole, applicando, quando necessario, nuovi paradigmi, che rappresenteranno lo scudo che garantirà la sopravvivenza dell’impresa a lungo termine” ha concluso Bignami.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *