Jobness, novità per le agenzie del lavoro

Logo_Jobnesspdf

Un modello innovativo nel mondo delle agenzie per il lavoro, una struttura che modifica il modo di operare nel settore in cui professionisti qualificati e di lunga esperienza nel mondo delle agenzia per il lavoro hanno la reale opportunità di intraprendere un proficuo percorso di crescita professionale ed economica: questo è Jobness, che grazie alla sua formula innovativa, dalla metà del 2013 si sta sviluppando su tutto il territorio nazionale, con oltre 20 Jobness Partner distribuiti nel Paese.

Con Jobness cambiano perciò le regole del gioco nel settore delle agenzie per il lavoro: al centro di tutto ci sono i Jobness Partner, professionisti altamente qualificati, di lunga esperienza in questo settore e dallo spirito imprenditoriale, con la voglia di crescere e di investire su se stessi, che sono i veri clienti della società. Jobness è stata creata proprio per supportare e per permettere di mettere a frutto nella maniera più efficace l’esperienza e le competenze acquisite dai propri partner nel mercato delle agenzie per il lavoro. La mission aziendale risiede proprio nella loro crescita personale, professionale ed economica.

“Jobness è l’unica realtà in Italia che offre a chi ha ottenuto risultati importanti in questo settore l’opportunità di compiere un ulteriore salto di qualità: noi lavoriamo perché questi professionisti riescano a raggiungere in breve tempo una significativa crescita del loro tenore di vita professionale – sottolinea Enrico Valocchia, fondatore di Jobness – Gli importanti risultati raggiunti in questo primo anno, ci dimostrano che nel settore c’è un estremo bisogno di rinnovamento del modello organizzativo e che questa richiesta viene soprattutto da chi in questo mercato eccelle. Ecco perché vogliamo continuare a creare sul territorio nazionale grandi centri Jobness, in grado di intercettare queste eccellenze poco valorizzate e di diffondere in tutta Italia una differente visione dell’agenzia per il lavoro.”

 


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *