Kia Stinger, una GT che vuol dire la sua…

Stinger è per Kia un passo molto importante. L’azienda coreana, che attualmente è una delle mattatrici del mondo dell’automotive, punta in alto e propone una gran turismo dall’animo sportivo con l’ambizione di entrare di prepotenza nel mercato premium del segmento.

In un grande evento tenutosi a Milano, Kia Motors Italia, ha dato modo di far toccare con mano la qualità di una vettura che colpisce certamente l’occhio per il suo design moderno e sportiveggiante.


Certo, il rosso fiammeggiante della livrea della Stinger ha fatto il suo, ma bisognerebbe essere degli ipocriti per non dire che la Kia ha realizzato davvero una bella vettura. Il suo design prende spunto dalla GT Concept vista al Salone di Francoforte nel 2011: ebbene, non siamo molto lontani da quanto visto 6 anni fa… La Stinger ha un frontale poderoso che guarda minaccioso la strada in punta, ma si ammorbidisce in prossimità del parabrezza. Le linee si irrigidiscono di nuovo nella zona laterale e culminano nella coda decisamente sportiva, dove spiccano i quattro terminali di scarico cromati.

Chi ricorda gli interni non proprio di categoria di qualche modello Kia degli anni passati dovrà rendersi conto che l’azienda coreana ora ha cambiato regime e propone abitacoli prestigiosi e ultratecnologici, come quello della Stinger in questione. La posizione di guida è sicuramente quella tipica, leggermente ribassata, delle gran turismo, ma offre una visibilità eccellente. E se avete famiglia, beh, non preoccupatevi più di tanto, perché in quattro ci si viaggia benissimo.

Saranno tre le motorizzazioni offerte in Europa: il 2.0 turbo benzina da 255 cavalli, il potente 3.3 litri win-turbo V6 da 370 cavalli, e presto anche un 2.2 litri turbodiesel da 202 cavalli. Quest’ultima sarà probabilmente la scelta su cui opteranno i più. La Kia Stinger sarà in vendita nell’ultimo trimestre del 2017 ad un prezzo non ancora definito, ma che potrebbe aggirarsi fra i 40 e i 50 mila Euro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *