Manager in vacanza? Sì, ma sempre collegati all’ufficio!

Lo immaginavamo ma ora ne abbiamo la certezza. I veri manager non riescono a staccare dal proprio lavoro, nemmeno durante le vacanze. Ad affermarlo è un sondaggio condotto dalla società internazionale di recruitment Hays su un campione di più di 300 fra manager e top manager, il 97% degli intervistati utilizzerà il proprio telefonino per ricevere aggiornamenti dall’ufficio anche in vacanza. E se il 34% lavorerà anche sul lettino sotto l’ombrellone, il 51% darà una sbirciatina alla propria casella di posta elettronica aziendale.

Sole, mare, ricche dormite in spiaggia e molto altro, per la maggior parte dei manager non possono distrarre dalla propria professione. I tempi, insomma, sono cambiati. Lavorare in vacanza non è più un’eccezione e se alcuni si limiteranno a tenere sotto controllo la mail aziendale, altri dovranno a malincuore immolare alcune ore (23%) o intere giornate (11%) sull’altare del lavoro.

“Da anni il rapporto tra professionisti italiani e vacanze è cambiato – afferma Carlos Manuel Soave, Managing Director di Hays Italia – Complice l’iperconnessione, molti dei manager intervistati non riescono più a staccare la spina per godersi qualche giorno di meritato riposo. Controllano la posta e partecipano a call dalle spiagge, sottraendo tempo prezioso a sé stessi e ai propri compagni di viaggio”. Tra i dispositivi tecnologici più utilizzati dai manager in vacanza, al primo posto spicca indiscusso lo smartphone (97%), seguito da notebook e tablet (rispettivamente 32% e 31%). Pochissimi (2%) scelgono lo smartwatch, ancora considerato troppo di nicchia”.

Ma quali sono le mete turistiche preferite dai manager e dai top manager? Agosto è, come da tradizione, il mese delle vacanze per oltre il 90% dei professionisti e se più di 1 italiano su 2 ha pianificato le classiche due settimane di ferie, c’è chi ha deciso di concedersi 3 o più settimane lontano dall’ufficio (40%).

Il mare resta la meta per eccellenza, scelta dal 76% degli intervistati; il 26% preferisce il fresco della montagna mentre il 23% partirà per un viaggio on the road o per visitare una città d’arte (11%). Complice l’instabilità politica internazionale, oltre il 71% dei manager ha optato per una località turistica italiana mentre solo il 36% uscirà dal Belpaese.

Ma qual è l’accessorio che mai e poi mai un manager dimentica di mettere in valigia? Ovviamente lo smartphone! Non se ne può fare più a meno! Se dovessero trovarsi in vacanza su un’isola deserta, i manager italiani non rinuncerebbero mai al proprio smartphone (46%), alla macchinetta del caffè (27%) e ad altri tecno-gadget come l’e-book (17%), mentre al contrario dimenticherebbero volentieri a casa agenda (25%) e orologio (18%).

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *