Marchi registrati, l’UAMI compie 20 anni

metal-copyright-symbol

105.005 sono le richieste da parte di aziende e soggetti italiani di registrazione di marchi comunitari che l’Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno (UAMI) ha ricevuto a partire dal 1996. Di questi, 4.961, ovvero circa il 5% sono marchi che appartengono a 25 aziende “top” che rappresentano in particolare il settore finanziario e assicurativo (31%), l’agroalimentare (21%) e il manifatturiero legato al settore trasporti.

111.161 sono state invece le richieste da parte di soggetti italiani di registrazione per disegni e modelli comunitari ricevute negli ultimi dieci anni. Creato nel 1994, l’Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno (UAMI), compie 20 anni: è un’agenzia decentrata dell’Unione Europea, con sede ad Alicante, in Spagna, ed è oggi la più grande agenzia dell’Unione europea.

Oggi, l’UAMI festeggia i suoi primi 20 anni con l’inaugurazione del nuovo edificio nella sua sede di Alicante. A tutt’oggi, l’Ufficio ha ricevuto circa 1,3 milioni di domande di MC da 192 paesi e, dal 2003, anche circa 800 000 domande di disegni e modelli comunitari registrati (DMC). Questa cifra ha superato di gran lunga perfino le previsioni più ottimistiche e ha rappresentato un atto di fiducia verso il valore e l’utilità del nuovo diritto unitario di PI.

Il Presidente dell’UAMI António Campinos ha dichiarato: “Il nuovo edificio è un simbolo di ottimismo e un investimento nel futuro dell’Ufficio e dell’Unione europea. Offrirà l’ambiente necessario per un nuovo modo di lavorare che migliorerà qualità ed efficienza. Rappresenta anche un simbolo tangibile della nostra celebrazione dei “20 anni di eccellenza grazie alle persone”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *