Michele Marzan nuovo CEO di Teads Italia

Altra nomina importante in casa TeadsMichele Marzan è il nuovo CEO della sede italiana. Dunque, a distanza di nove mesi esatti dal rebranding dell’azienda che ha rappresentato un nuovo posizionamento del progetto sia da un punto di vista di offerta tecnologica che di strategia nel mercato del digital advertising, arriva a guidare la sede di Milano questo 47enne, ex Regional Director Southern Europe di Zanox.

“Gli ultimi due Quarter di quest’anno – ha dichiarato Michele Marzan, Ceo di Teads Italia – mi vedranno coinvolto a sostenere la crescita del team italiano già di 30 unità, delle relazioni di business e, inoltre, della nostra divisione mobile per la quale preventiviamo un incremento del 30% rispetto al 2014. Altresì, sarò fortemente concentrato a rafforzare le strategie per il team publishing che ogni giorno sta lavorando per allargare l’offerta d’inventory premium e viewable (così da garantire agli advertiser l’ottimizzazione dei loro investimenti su ogni singola impression) e per ampliare le opportunità di valorizzazione dei publisher attraverso soluzioni tecnologiche che prima non esistevano, meglio rappresentate dal nostro format inRead e dalla nostra piattaforma SSP proprietaria. Sono felice che Christophe Parcot, Pierre Chappaz e Bertrand Quesada abbiano creduto in me: il fatto di avere un background consolidato da esperienze internazionali in più mercati mi aiuterà a dare il miglior supporto all’azienda, soprattutto, sul Mobile e sul Programmatic Advertising. Siamo solo all’inizio del vero new media, e questa è la migliore premessa per un lungo futuro di successo per Teads!”.

Un altro segnale forte da parte di Teads che punta sempre più verso una sorta di “TeadStyle” che non è solo la definizione di un claim, ma la chiave di lettura della sua rinnovata value proposition inagurata lo scorso gennaio con nuovo finanziamento di 24 Milioni di Euro a seguito di un 2014 chiuso a quasi 100 Milioni di Euro di fatturato.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *