Nasce la Carta Internazionale dei Diritti Digitali

Carta Internazionale dei Diritti Digitali

Carta Internazionale dei Diritti Digitali

Internet è ormai una sorta di “mondo nel mondo”. Entro la fine del 2014 circa 3 miliardi di persone dovrebbero essere connessi alla rete ed oltre il 44% delle abitazioni avranno un access point al web. La necessità di riconoscere nuovi diritti e di reinterpretare i vecchi così da assicurare una maggiore tutela delle libertà in Internet era evidente. Per questo è stata creata ed approvata la nuova “Carta Internazionale dei Diritti Digitali” all’ interno dell’Appuntamento di due giorni Social Innovatio Around – Idee alla luce del sole, organizzato da SIS (Social Innovation Society), nella suggestiva cornice del Teatro 10 di Cinecittà a Roma.

Una sorta di Costituzione digitale che mette dei paletti importanti, ma soprattutto sancisce libertà innegabili. “Sempre più avvertita –ha scritto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, in un messaggio inviato per l’ apertura dell’ evento – è l’ esigenza di giungere all’adozione di una Carta dei diritti in internet: lo dimostra il moltiplicarsi di iniziative che come quella di Social Innovation Around, si pongono come obiettivo quello di difendere i principi fondanti della Rete e di tutelare i diritti degli utenti”.

La carta è costituita da 10 articoli che spaziano dal diritto alla partecipazione e alla padronanza simbolica, dalla tutela della persona digitale allo sviluppo dell’educazione e delle crescita sociale, passando attraverso creatività, innovazione e privacy, diritto alla sicurezza digitale e nuovo welfare digitale. Ecco quali sono…

CARTE DEI DIRITTI DIGITALI – ARTICOLI

CAPO I – DEFINIZIONE E RIFERIMENTI

 

Articolo 1 – DEFINIZIONE

La presente Carta dei Diritti Digitali stabilisce i principi, le garanzie ed i diritti per l’accesso, l’utilizzo e la gestione de:

  • strumenti di comunicazione digitali, sincroni o asincroni, indipendentemente dalla loro infrastruttura, protocolli, soluzione tecnologica, dispositivo di accesso;
  • reti di comunicazione globali, regionali o locali, indipendentemente dalla proprietà (pubblica o privata), finalità e obiettivi;
  • dati, informazioni, materiali documentali digitali, indipendentemente dal formato e dalle specifiche tecniche di accesso ed utilizzo.

Articolo 2 – RIFERIMENTI

La presente Carta dei Diritti Digitali riconosce, implicitamente ed esplicitamente, ed avoca – come premessa imprescindibile – i valori ed i diritti sanciti e riconosciuti nei seguenti documenti:

  • Dichiarazione Universale dei Diritti Umani;
  • Convenzione Internazionale sui Diritti Civili e Politici;
  • Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea;
  • Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia;
  • Dichiarazione Universale dell’UNESCO sulla Diversità Culturale;
  • Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali.
  • Dichiarazione della Donna e della Cittadina.

CAPO II – AMBIENTE, ECOSISTEMA

Articolo 3 – DIRITTO ALLA PARTECIPAZIONE

Ogni persona ha diritto al libero accesso ed alla partecipazione al foro pubblico digitale.

È compito delle istituzioni democratiche rimuovere gli ostacoli – di ogni ordine e grado – che limitino di fatto accesso e partecipazione dei cittadini al foro pubblico digitale. E’ altresì compito delle istituzioni democratiche promuovere con ogni mezzo l’accesso e la partecipazione al foro pubblico digitale.

Articolo 4 – DIRITTO ALLA PADRONANZA SIMBOLICA

Ogni persona ha diritto all’accesso ed alla comprensione dell’universo simbolico digitale, incluso dottrine, concetti, terminologie, metafore e forme narrative. È compito delle istituzioni democratiche promuovere, garantire e conservare tale capacità di accesso e comprensione attraverso la creazione di specifici percorsi formativi ed informativi.

CAPO III – PERSONA DIGITALE

Articolo 5 – SVILUPPO E TUTELA DI CAPACITA’ E COMPETENZE

Ogni persona ha il diritto al perseguimento della propria realizzazione in ambiente digitale, sotto il profilo etico, umano, culturale, professionale e sociale. È compito delle istituzioni democratiche promuovere, sostenere ed arricchire capacità e competenze che agevolino i cittadini nell’esercizio del presente diritto.

Articolo 6 – EDUCAZIONE E CRESCITA CIVILE E SOCIALE

Ogni persona ha il diritto all’Educazione Civica Digitale, che garantisca l’istruzione e formazione all’uso di strumenti di comunicazione digitali, di qualsiasi natura essi siano, per essere un cittadino digitale attivo e democratico in grado di poter esercitare i propri diritti e le prorie libertà in modo cosciente e consapevole. È compito delle istituzioni democratiche promuovere, garantire e conservare le competenze, conoscenze e capacità attraverso l’educazione per la cittadinanza democratica, l’educazione ai diritti umani, l’educazione alle regole del rispetto dei contenuti e delle persone(netiquette).

CAPO IV –ESPRESSIONE, CREATIVITA’, INNOVAZIONE E PRIVACY

Articolo 7 – ESPRESSIONE E TUTELA DELLA CREATIVITA’

Ogni persona ha il diritto alla libera espressione della propria creatività ed alla tutela esistenziale e giuridica dei frutti di tale espressione, siano questi realizzazioni personali, artistiche, intellettuali, sociali, culturali, tecnologiche o frutto di attività di ricerca. È compito delle istituzioni democratiche promuovere, agevolare e sostenere l’esercizio di tale diritto, nonché sistemizzare e rendere facilmente accessibili gli opportuni strumenti di tutela e di divulgazione dell’innoazione.

Articolo 8 – INFORMAZIONI PERSONALI E PRIVACY

Ogni persona ha diritto alla tutela della propria intimità e della sfera privata. Ogni persona ha il diritto al pieno e libero accesso a tutti i contenuti, le informazioni ed i materiali documentali che riguardano detta intimità e sfera privata. Ogni persona ha altresì il diritto rettifica, modifica, correzione ed eliminazione di qualunque contenuto, informazione, materiale documentale appartenente a detta sfera.

È compito delle istituzioni democratiche garantire a ciascun cittadino un pieno ed agevole esercizio del presente dirittto, indipendentemente dal fatto che contenuti, informazioni e materiali documentali in oggetto siano gestiti dalle istituzioni stesse o da terze parti soggette all’autorità o alla giurisdizione delle istituzioni.

Le modalità di rettifica, modifica, correzione ed eliminazione sancite dal presente diritto saranno definite dalla legge di ciascuno Stato nello spirito della presente Carta dei Diritti Digitali e nel rispetto del diritto all’informazione ed alla memoria storica sociale.

CAPO IV – TUTELA DIGITALE

Articolo 9 – DIRITTO ALLA SICUREZZA DIGITALE

Ogni persona ha diritto alla tutela della propria sicurezza digitale dei dati, delle informazioni e delle comunicazioni. È compito delle istituzioni democratiche garantire la sicurezza attraverso la realizzazione, implementazione e promozione di sistemi ed interventi infrastrutturali, tecnologici, culturali, sociali e formativi. È altresì compito delle istituzioni democratiche sensibilizzare e promuovere tra i cittadini la consapevolezza, la diffusione e la pratica di una cultura della sicurezza digitale.

Articolo 10 – WELFARE DIGITALE

Ogni persona ha diritto all’accesso ai propri dati sanitari ed alle informazioni sulla sua salute in un formato digitale di semplice gestione. È compito delle istituzioni democratiche definire, realizzare e promuovere sistemi, procedure e soluzioni tecnologiche atte a garantire a ciascun cittadino un accesso rapido, agevole e sicuro a detti dati ed informazioni; è altresì compito delle istituzioni democratiche far si che detti sistemi, procedure e soluzioni tecnologiche agevolino un rapido interscambio delle informazioni e dei dati sanitari tra organizzazioni sanitarie aventi titolo – pubbliche o private, nazionali od internazionali che siano – su semplice richiesta del cittadino interessato.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *