Nautica, ecco i profili manageriali più ricercati del momento!

In occasione del 56° Salone Nautico di Genova, Wyser, società internazionale di Gi Group specializzata nella ricerca e selezione di middle e senior management specializzato, ha fatto il punto sulle nuove tendenze e opportunità del mercato nautico per identificare i profili dei professionisti più ricercati in questo settore che, da fine 2015, ha registrato sensibili segnali di ripresa e per il quale si attende una crescita attorno al 7,5% per il 2016.

Tra i profili più richiesti troviamo dunque il Project Manager, che deve unire le competenze tecniche e produttive con un forte orientamento al cliente, l’Ingegnere Elettronico per sistema di bordo e il Responsabile Commerciale, con forti competenze tecniche ed elevata esperienza. Molto richiesto anche l’b che affianchi il Project Manager, soprattutto in cantieri che producono barche fino ai 35m, mentre in cantieri di produzione barche dai 60 m in su la figura chiave risulta essere il Project Engineer, focalizzato sulla gestione dell’ufficio tecnico che si occupa di realizzare il progetto passando dalla fase di design all’industrializzazione e produzione.

Ma quali requisiti sono richiesti a questi professionisti? Beh, parliamo di manager di primissimo livello, che abbiano un curriculum ed una base di competenze molto elevata.  Laurea in Ingegneria Navale, Nautica, Meccanica, Elettrica ed Elettronica, laurea in Architettura e Yacht Design. In tutti i casi le competenze tecniche legate alla conoscenza del prodotto e del settore devono essere accompagnate da capacità relazionali, flessibilità mentale e approccio internazionale. Nuovi corsi di Laurea in Economia Marittima e Logistica sembrano infine rispondere ad attività professionali emergenti come le nuove figure delle agenzie marittime dello yachting, degli operatori del charter e i broker.

Da evidenziare anche la continua e crescente attenzione che il mercato nautico globale ha riservato negli ultimi anni alle nuove tecnologie e allo sviluppo eco-compatibile. Queste nuove tendenze hanno richiesto e richiederanno un continuo aggiornamento delle competenze e nuove figure professionali, soprattutto nell’area della Ricerca e Sviluppo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *