Pitti Uomo anticipazioni: da Traiano Milano ecco la giacca lavabile in lavatrice!

traiano ss18

Avete presenti i santi del calendario che fate scendere ogni volta che una macchia compare sulla vostra giacca? Beh, ora non sarà più necessario imprecare, grazie a Traiano Milano, che al prossimo Pitti Uomo, presenterà la giacca che si può lavare in lavatrice e… non ha bisogno di essere stirata! Una rivoluzione!

Sporcarsi la giacca equivale a prendere consapevolezza che ciò comporterà il necessario ricorso alla lavanderia e la conseguente rinuncia alla propria fedele compagna per alcuni giorni. Ma ora tutto questo potrebbe diventare un ricordo.

La giacca di Traiano Milano, frutto dell’intuizione di Filippo Colnaghi e Francesco Fumagalli, amici nella vita e da un paio di anni anche soci, si lava in lavatrice a 30 gradi, non si stira e mantiene un perfetto aplomb, anche dopo una giornata di lavoro, un viaggio in aereo o una trasferta in valigia. Insomma, la giacca perfetta per i manager che vogliono essere sempre eleganti!

L’idea vincente? Realizzare abiti formali maschili con tessuti tecnici all’avanguardia, i Sensitive Fabrics di Eurojersey, in grado di assicurare comfort totale perché elasticizzati, indeformabili, freschi e traspiranti. Materiali sottoposti a procedimenti di stampa in 3D in grado di emulare qualsiasi tipologia di stoffa: dal lino alla lana, dal gessato al finestrato, dallo spigato al principe di Galles. Alla terza stagione a Pitti Uomo Traiano Milano porta in primo piano le nuove giacche per la prossima primavera-estate, nelle alternative mono e doppiopetto. Inediti i modelli in fantasia camouflage, nei toni del grigio-arancio o del blu-kaki. Un motivo che diviene un dettaglio all’interno del capo o nel retro del colletto nelle versioni più classiche: le tinte unite effetto lino, i gessati o i check.

Proposte realizzate con i tessuti prodotti dall’azienda di famiglia, il Gruppo Tessile Carvico, di cui fa parte Eurojersey, noto per i Sensitive Fabrics, divenuti l’anima del progetto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *