Pranzo di Pasqua? Non esagerate. E poi correte! Vivrete di più!

Pasqua 2017

Pronti per il grande pranzo di Pasqua? Noi ci auguriamo che stiate facendo già un grande lavoro di stretching con le mascelle. Dopo tutto, ve lo siete meritati dopo il grande lavoro che certamente ciascuno di voi ha svolto in questi giorni.

Agnello o non agnello, certamente la vostra tavola sarà piena di prelibatezze da mangiare e un buon bicchiere di vino sarà certamente gradito per vivere ancor più allegramente fra brindisi vari una giornata da trascorrere finalmente in famiglia, soprattutto se durante l’ultimo periodo siete stati super impegnati per motivi lavorativi.

Però… c’è un però. Mangiate con moderazione e non cedete alla tentazione dei cosiddetti bis. Quel famoso bicchiere di vino di cui sopra, concedetevelo, ma sorseggiatelo e cercate di fare in modo che duri per tutto il pranzo.

Questa ovviamente è la teoria, ma sappiamo benissimo che resistere alle tentazioni culinarie non è facile… E allora che si fa? Beh, una soluzione ci sarebbe.

Nei giorni scorsi, infatti, è stata ribadita l’importanza di fare un po’ di fitness quotidiano e la corsa sembra proprio essere una delle soluzioni migliori: è gratis, si può fare all’aria aperta e non necessita di alcun personal trainer a nostra disposizione.

E allora, dopo il vostro fantastico pranzo di Pasqua, provate a ritagliarvi un’ora di tempo per infilarvi la tuta, le scarpe da ginnastica ed andare a fare una corsetta di un’ora. Tutto quello che avrete mangiato dalla tavola, verrà smaltito velocemente e voi eviterete di arrivare a questa sera con la sensazione di avere sullo stomaco una sorta di elefante!

Questa è un’abitudine che dovreste prendere a prescindere dalle giornate di festa come questa: come dicevamo in precedenza, infatti, un’ora di corsa può ‘regalarci’ sette ore in più di vita, a dirlo è uno studio guidato dalla Iowa State University, pubblicato su Progress in Cardiovascular Disease.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *