,

Prototipi: una Range Rover che si guida con lo smartphone

Il sogno di ogni bambino. Sì, anche quello che c’è in noi. Ed ecco che Land Rover lo realizza. La Casa inglese ha presentato un prototipo di Range Rover Sport a Controllo Remoto, nato per dimostrare come sia possibile guidare un veicolo dall’esterno, tramite uno smartphone.

L’app che consente ciò permette, infatti, il controllo dello sterzo, dell’acceleratore e dei freni. Questo assicura al pilota di camminare a fianco del veicolo, alla velocità massima di 4 km/h, per manovrare con sicurezza in condizioni difficili, o addirittura nel fuoristrada più impegnativo: stando fuori dal veicolo, è possibile controllare costantemente gli angoli di attacco, dosso ed uscita e posizionare al meglio la vettura nell’andatura lentissima su roccia. Inoltre è perfetto per attraversare i torrenti o tratti a scarsa aderenza a causa di fango o neve. Un’altra applicazione potrebbe essere quella di usare lo smartphone per far uscire la vettura da un parcheggio a marcia indietro qualora un altro veicolo fosse così vicino da rendere impossibile l’apertura della portiera

La funzione di controllo remoto è attiva solo se il pilota si trova entro una distanza massima di 10 metri dal veicolo e se viene rilevata la presenza del telecomando.

“Una manovra per uscire da un parcheggio ‘difficile’ può essere un’esperienza stressante per chiunque. Un veicolo a controllo remoto o uno che può effettuare autonomamente una conversione, sono la dimostrazione che è possibile impiegare queste nuove tecnologie per ridurre la parte tediosa della guida e migliorarne la sicurezza. Queste ricerche non ci aiuteranno solo a realizzare un veicolo autonomo. Contribuiranno a rendere la guida più sicura e divertente. Gli stessi sensori che supportano le azioni di un veicolo autonomo assisteranno il pilota, aiutandolo a prevenire gli incidenti. Le tecnologie autonome non diminuiranno il piacere della guida”, ha dichiarato Wolfgang  Epple, Director of Research and Technology di Jaguar Land Rover

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *