Range Rover Evoque MY2016: ancora più magnifica

È stata un successo da subito ed il target di riferimento è stato letteralmente colpito al cuore da questo dardo lanciato da Land Rover. La Range Rover Evoque ha rappresentato una grande novità per il brand inglese: doveva rappresentare l’inizio di una nuova era per l’azienda di Gaydon e così è stato. Ma ora la Evoque aveva bisogno di una “rinfrescata” e il model year 2016 è decisamente un’evoluzione interessante.

Chi di voi riesce a resistere al fascino di quest’auto alzi la mano, ma sono certo che in molti avrete riposto le vostre in tasca. È un SUV pratico, funzionale all’uso cittadino, elegante: è tutto ciò che un professionista può desiderare, il compromesso fra lusso e sportività.  Dal lancio nel 2011 sono state prodotte più di 400.000 Evoque, numeri che le hanno fatto guadagnare il primato di “fast seller” Land Rover di tutti i tempi. L’anno passato ha registrato il maggior successo dell’Evoque, con 125.364 vendite nel mondo.

Il design del MY2016 non ha subito grandi cambiamenti, ma quelli che ci sono stati hanno decisamente migliorato la vettura. Un nuovo paraurti anteriore, due nuovi stili della griglia, i fari Full-LED e tre nuovi stili di cerchi in lega: sono queste le novità che valorizzeranno ulteriormente il design della già splendida Evoque.

L’abitacolo non è da meno: nuovi sedili e pannelli delle portiere, nuovo sistema di infotainment accessibile tramite un touchscreen da 8″, nuovi materiali e colori quali il Lunar Ice, il Vintage Tan e il Dark Cherry (solo per Autobiography) sono elementi che impreziosiscono interni che non hanno molto da invidiare alle rivali.

Sotto il cofano, ruggiscono i nuovi propulsori Ingenium TD4, interamente in alluminio e più leggeri di 20-30 kg rispetto al passato. È disponibile in due versioni di diversa potenza: una da 150 cv , con consumi che scendono fino a 4,2 l/100km ed emissioni di CO2 di 109 g/km, ed una seconda più potente, da 180 cv, con consumi  di 4,8 l/100km ed emissioni di CO2 che partono  dai 125 g/km.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *