Roma Venture Capital: occasione per 35 start up

Senza titolo-3

Sono gli oltre 40 investitori stranieri che saranno a Roma il 10 dicembre al MACRO di Via Nizza (dalle 11 alle 18) con altri selezionatissimi 150 ospiti, per il Primo Forum Internazionale dei Venture Capitalist interessati all’innovazione che parla romano e a quella creatività imprenditoriale che una certa parte di mondo ancora ci invidia.

Arrivano dagli Usa, dalla Russia, dalla Germania, dalla Gran Bretagna, dalla Cina e da Israele: una vetrina internazionale per le migliori 35 startup romane e per tutto l’ecosistema dell’innovazione, organizzata da Roma Startup in collaborazione con Sviluppo Lazio (l’Agenzia della Regione Lazio) e ICE (agenzia per la promozione all’estero e internazionalizzazione delle imprese italiane che dipende dal Ministero dello Sviluppo Economico). Il focus è puntato su nuove imprese che operano su digitale e rinnovabili ma anche su moda, hardware e design, ma anche food.

Un’occasione per tutte le new companies che si presenteranno alla platea internazionale per fare quel salto di qualità economico e di immagine che potrebbe fare la differenza nel mercato.

“A Roma purtroppo manca il capitale di rischio per la crescita. E così siamo costretti a cercarlo all’estero. Il sistema romano degli incubatori ed acceleratori infatti si è molto sviluppato negli ultimi 4 anni ed è in grado di “generare” diverse decine di startup ad alto potenziale ogni anno, gestendo direttamente gli investimenti della primissima fase (idea validation, 25-50 mila euro di investimento detto “micro-seed round”) e mettendole in contatto con gli investitori della seconda fase (business model validation, 100-500 mila euro di investimento detto “seed” o “angel round”), cioè soggetti come business angel e piccoli fondi. Ma nonostante l’enorme ricchezza disponibile nei capitali privati romani ed italiani, mancano incredibilmente gli operatori del Venture Capital, quelli in grado di effettuare investimenti superiori al milione di euro perché queste startup vadano velocemente verso un processo di crescita internazionale ad “armi pari” con le concorrenti di altri paesi. Insomma, c’è un buco di mercato. E se i capitali italiani si stanno facendo sfuggire questa opportunità noi siamo costretti a chiedere aiuto ai capitali stranieri”, ha detto Gianmarco Carnovale, presidente di Roma Startup.

All’evento prenderanno parte tra le altre, Smartika, BaasBox, Wanderio, Filo, Gamepix, Atooma, SpaceExe, Tnotice, Qurami, Eppela, Maison Academia, Pubster, Cocontest, Smart-I, Athea e ZiriZiri.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *