Sito web aziendale:
perché è fondamentale?

Esisteva un tempo in cui per fare un sito web aziendale bastava prendere uno spazio gratuito da un provider, inserire tutte le parole chiave possibili anche senza criterio ed aspettare che le persone arrivassero a visitarlo. Si potevano poi monitorare gli accessi grazie a qualche contatore gratuito di quelli che dicevano “La tua pagina è stata vista da 37 persone” e stare lì ore ad aspettare che il numero salisse.

In poche parole era sufficiente esserci. Quei tempi, ahimè, non esistono più. Oggi per avere una presenza efficace su internet non basta farsi il sito web aziendale. Gli utenti sono ormai abituati ad un’esperienza di navigazione ed acquisto, nel caso di eCommerce, i cui standard sono stati stabiliti dai grandi portali e dalle grandi aziende come Amazon, eBay o Zalando. Internet ed il mercato digitale non sono solo web: ci sono i dispositivi mobili, i social network, le applicazioni interattive, le comunicazioni dirette… Un mondo di attività, strumenti e funzionalità necessari ed interconnessi che non possono essere ignorati o sottovalutati.

Esempi pratici

Prendiamo ad esempio un hotel che voglia iniziare a generare parte del suo business direttamente dai canali digitali. Oggi molte strutture ricettive lavorano soprattutto con comparatori come Booking, Expedia o Venere.it, che portano sì tante persone, ma interessate soprattutto a risparmiare e, cosa ancora più importante, non fidelizzate. Inoltre questi siti richiedono fior di commissioni e tariffe. Se un albergatore volesse acquisire nuovi ospiti anche direttamente da internet dovrebbe per prima cosa rimettere mano al proprio sito, ottimizzando i contenuti in ottica SEO per i motori di ricerca e rinnovandolo secondo i nuovi criteri del responsive design per renderlo fruibile anche da smartphone e tablet. Per generare potenziali clienti dovrebbe effettuare alcune azioni di web marketing, come ad esempio una gestione professionale dei social network e campagne a pagamento su Google e su Facebook. Sul sito ci dovrebbero essere le recensioni degli utenti, che per 2 navigatori su 3 sono un parametro fondamentale nella scelta di una struttura rispetto ad un’altra. A questo punto un potenziale ospite che decida di prenotare dovrebbe poterlo fare direttamente e con pochi passaggi, per questo uno strumento di booking automatizzato sarebbe un’ottima soluzione. Un altro parametro che molti utenti, soprattutto stranieri, utilizzano per scegliere un hotel è la presenza della connessione WiFi gratuita. Perché allora non trasformare questo servizio fondamentale in uno strumento di marketing che permetta di registrare in sicurezza gli accessi, per poi sfruttare questi contatti per offerte e promozioni future? La cosa si fa interessante, ma non finisce con l’arrivo di un ospite.

Le opinioni come strumento di marketing

Una volta partito, infatti, il cliente non va dimenticato. Oggi le persone condividono ogni cosa che fanno sui propri social network preferiti a partire da Facebook, ma non solo. Per questo è importante seguire ciò che viene scritto e monitorare opinioni e pareri, per gestire al meglio anche eventuali recensioni negative. In questo modo si possono trasformare ex ospiti in possibili referenze attive che, oltre a generare una buona reputazione per l’albergo, possono portare potenzialmente anche nuovi clienti. Ed il ciclo ricomincia. Come abbiamo visto in questo esempio, che potrebbe essere applicato con i giusti adattamenti a qualsiasi categoria merceologica, l’attività su internet è un percorso complesso che va affrontato affidandosi ad un’agenzia specializzata, non a parenti o amici. Affidereste mai la gestione della vostra azienda ad una persona solo perché “È mio cugino” o “È il figlio della mia compagna”? Nell’era dei social, del web partecipativo e della condivisione maniacale un servizio professionale ed un’immagine adeguata alle aspettative possono fare la differenza tra accrescere il proprio fatturato, anche in un periodo di crisi, oppure restare a galleggiare nell’anonimato lamentandosi del momento negativo. Le opportunità sono là fuori, bisogna solo andarle a prendere.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *