Sport e manager: quali sono le capacità richieste ai professionisti?

Sport e manager

Sport e manager: due parole che sempre più vanno di pari passo. E non è un caso che le grandi società sportive mondiali siano gestite da grandi manager. Ma quali sono le nuove frontiere della Sport Industry e quali capacità manageriali sono richieste ai futuri manager dello sport?

Se ne è parlato ieri nel corso della cerimonia di apertura dell’11° edizione del Master Sport Business Management della Business School de Il Sole 24 ORE.

Giovanni Carnevali – AD e DG Sassuolo calcio e amministratore unico di Master Group Sport, Marco Foroni – Head of Fox Sports Italy, Davide Costanzo – Marketing Manager Under Armour Italy si sono confrontati su questi argomenti di interesse generale.

“Nel mondo del calcio, come in ogni azienda, sono cambiate molte cose, servono manager preparati per affrontare questo cambiamento. Servono giovani volonterosi e caparbi” afferma in questa occasione Giovanni Carnevali, AD e DG Sassuolo calcio e amministratore unico di Master Group Sport, che sottolinea: “Entrando in un’azienda bisogna sposare un’idea: la squadra viene prima di tutto e con il termine “squadra” si intende tutto il gruppo. La condivisione e il confronto continuo, anche tra amministratore ed altri dipendenti, sono funzionali perché tutti devono crescere, insieme”. E prosegue: “Molto spesso le persone che fanno grandi cose sono quelle che hanno tanta voglia di fare e idee nuove”.

A questo proposito anche Davide Costanzo, Marketing Manager Under Armour Italy, riflette sulla necessità di nuove competenze nella Sport Industry: “Fino a ieri era difficile trovare figure veramente aggiornate sul mondo dello sport. Per gestire un asset sportivo, per sviluppare un brand servono figure manageriali che siano competenti, che garantiscano aggiornamento e professionalità”.

L’industria dello Sport infatti è sempre più legata e influenzata dai diritti sportivi che fanno dello sport un vero proprio business che genera spettacolo e intrattenimento. Per questo “abbiamo bisogno di manager competenti nella gestione dei contratti, capaci di valutare il valore del diritto sportivo, condurre una trattativa e portarla a termine”, sottolinea Marco Foroni, Head of Fox Sports Italy, che aggiunge: “Oggi è importante trasmettere un evento ma attorno a questo è altrettanto importante costruirci un prodotto”. La formazione va di pari passo con la passione, come ricorda Costanzo: “Si deve agire con intelligenza, velocità, dedizione e impegno, credendo nei propri obiettivi”.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *