Street food: un nuovo business per manager con l’occhio lungo

E se fosse lo street food il nuovo business? 3 italiani su 4 dichiarano di mangiare in strada nei moderni furgoncini che offrono invitanti stuzzichino, ciascuno nel proprio ambito, il Gambero Rosso ha pubblicato una guida dedicata e ci sono ormai nel nostro Paese decine di festival a tema. Qualcosa vorrà pur dire…

Lo street food ha trionfato anche a Sigep, 38° salone internazionale della gelateria, pasticceria, panificazione e caffè: una delle più importanti manifestazioni del settore, che si è chiusa oggi, 25 gennaio, a Rimini.

Un modo nuovo di investire in un business che si sta pian piano consolidando. L’investimento iniziale non è elevatissimo ed una volta iniziata questa avventura, difficilmente se ne rimane delusi.

Il cibo di strada, inteso come street food, non è più solo una tendenza emergente, ma una solida realtà economica, alla quale sempre più imprenditori guardano con interesse. E ora la moda si è trasformata in occasione di sviluppo: solo lo scorso anno sono cresciute del 13% le imprese italiane della ristorazione on the roadHanno superato quota 2.200 e si concentrano in Lombardia, Puglia e Lazio (elaborazione Coldiretti su dati Unioncamere, giugno 2016).

Le possibilità di emergere in questo settore sono tantissime per gli aspiranti food trucker italiani. Ma il percorso per arrivare a proporle nelle strade e nelle piazze è lungo. Bisogna scegliere il tipo di operatività più adatto (itinerante, giardini, piazze) e individuare le opportunità più interessanti, dalle fiere, alle manifestazioni di piazza, agli eventi privati come cerimonie o feste. Poi si passa all’allestimento vero e proprio del mezzo, che sarà il protagonista del nuovo business.

StreetFoody, un progetto innovativo dedicato ai food trucker italiani, rappresenta un valido supporto in tutte le scelte da portare avanti per avviare la propria impresa. E proprio in occasione di Sigep, i food truckers italiani hanno potuto conoscere StreetFoodyil progetto che trasforma la loro idea in realtà con un team di 30 professionisti pronti ad affiancare gli imprenditori in tutte le fasi, dalla realizzazione fino alla messa in strada del veicolo.

Insomma, le opportunità di avere successo non mancano. Dopo tutto, le migliori imprese nascono dai manager che hanno l’occhio per puntare su cavalli vincenti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *