,

A Milano il primo art smart bulding ad uso turistico

A aperto a Milano il primo art smart bulding ad uso turistico dedicato alle locazioni di breve e medio termine che coniuga innovazione tecnologia, servizi 4.0 e comunicazione visiva, nato dalla cooperazione fra la start up dell’ospitalità Italianway e Gruppo Vitofin.

L’ex colorificio di Via Biondelli al n. 7 a Milano (zona Bocconi), con i suoi 24 appartamenti, facente capo al Gruppo Vitofin, consolidato operatore immobiliare milanese, è stato oggetto di un’operazione di restyling e personalizzazione degli spazi affidata allo studio di progettazione ReActionLab.

La struttura ricettiva non solo definisce la propria unicità nel concept, ma soprattutto grazie ad una moderna infrastruttura tecnologica pensata per il turismo digitale: gli ospiti che decideranno di soggiornare nella struttura di via Biondelli avranno a disposizione il primo servizio di car sharing elettrico condominiale, basato sul microveicolo urbano Birò dell’italiana Estrima (Gruppo Brieda), che consentirà agli ospiti di esplorare agevolmente la città. I diversi sistemi di ricarica elettrica a disposizione degli ospiti renderanno B7 – Art Apartments una delle strutture preferite da chi giungerà a Milano avendo già scelto la mobilità elettrica ed avrà bisogno di un punto di ricarica oltre che di un luogo dove soggiornare immerso nel confort.

B7 – Art Apartments sarà gestito da Italianway che con i suoi 400 appartamenti attivi ed i suoi oltre 1200 posti letto dedicati alle locazioni transitorie rappresenta il più grande albergo diffuso della città di Milano. Così come prevede l’infrastruttura tecnologica Italianway, la struttura sarà dotata di un sistema di gestione accessi attivabile dal telefono cellulare degli ospiti ed un sistema di regolazione del comfort climatico legato al calendario delle prenotazioni al fine di ottimizzare i consumi energetici della struttura, già realizzata con massima attenzione all’efficienza energetica. Infatti, grazie alla copertura LoRa sulla città di Milano, hardware e firmware prodotti da Fractalgarden, uno dei soci di Italianway, permettono di gestire l’accesso agli appartamenti con il cellulare, senza dover scaricare alcuna applicazione. Una semplice telefonata gratuita (nessun roaming per gli stranieri) permette ai turisti di aprire le porte grazie al riconoscimento in tempo reale dei cellulari già accreditati nel gestionale aziendale dedicato ai check-in.

La struttura è dotata di un sistema Wi-Fi distribuito che beneficia di una una doppia connettività in fibra ottica FTTH fornita da Fastweb.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *