Fujitsu, documenti scansionati in 2 secondi

Un regalo che verrà apprezzato certamente dalle vostre segretarie, ma anche dai voi appassionati di tecnologia. È griffato Fujitsu, il nuovo scanner piano fi-65F formato A6, che in soli due secondi, è in grado di scansionare la carta d’identità di chi verrà a farvi visita nei vostri uffici. Un vero gioiellino. Basta poggiare sopra il piano il documento e l’immagine in bianco e nero verrà acquisita all’istante con una risoluzione molto alta (300 dpi). Tutto questo grazie al sofisticato software PaperStream, che offre un’avanzata ottimizzazione automatica dell’immagine, garantendo versatilità ad altissima performance. Ideale per le più disparate attività lavorative.

David Di Castro
@daviddicastro11

 

G-SHOCK, 30 anni da mito

Per molti di noi, giovanotti un po’ avanti con gli anni, ha rappresentato un’icona di stile, un segno di distinzione dapprima della nostra pubertà, poi della nostra giovinezza. Lo abbiamo messo tutti al polso: almeno per un certo periodo della nostra vita il G-SHOCK della Casio ha misurato il nostro tempo, preso i nostri tempi, ci ha svegliato la mattina con il suo sound inconfondibile, ma soprattutto non ci ha mai traditi. La sua fama di orologio indistruttibile è ampiamente meritata ed il fatto che quest’anno festeggi 30 anni di grandissimi successi ne è una testimonianza più che efficace. Era il 1983 quando il primo G-SHOCK ha fatto la sua comparsa, rappresentato da un concept che lasciò tutti a bocca aperta, soprattutto coloro che erano abituati a ben altri modi vedere che ora fosse.

Design moderno, tecnologia innovativa e resistenza massima: questi erano gli obiettivi che i creatori di questo straordinario orologio si erano posti. Obiettivi perfettamente centrati e che ancora oggi determinano il successo del G-SHOCK. Kikuo Ibe, ingegnere CASIO inventore del concept dell’orologio nipponico racconta come andarono le cose: “Fu da una semplice osservazione che iniziammo a sviluppare un orologio composto da una struttura cava che avesse il modulo in sospensione all’interno”. In principio fu il DW-5000, storico G-SHOCK, in grado di non rompersi cadendo da 10 metri di altezza, capace di resistere all’acqua fino a 10 bar e ad avere una batteria della durata di 10 anni. Un’autentica rivoluzione. Dal primissimo esemplare l’evoluzione è stata veloce, ma nonostante i 3.000 modelli esclusivi con funzioni sempre più avanzate, il G-SHOCK non ha mai perso la sua identità ed il suo spirito originario.

Per festeggiare i 30 anni di questo incredibile orologio, il brand ha creato una serie di modelli assolutamente straordinari tutti in Limited Edition alcuni realizzati in collaborazioni con importanti aziende di vari settori, dei quali i veri appassionati non potranno fare a meno.

David Di Castro
@daviddicastro11

 

Microsoft Italia vuole digitalizzare il Paese

Raggiungere capillarmente su tutto il territorio nazionale un milione tra piccole e medie imprese e 200.000 giovani italiani, per dare il via ad una sorta di circolo vizioso in grado di produrre occupazione e crescita sfruttando al meglio le nuove tecnologie. È questo l’obiettivo del nuovo progetto di Microsoft Italia per la digitalizzazione del Paese, denominato “Digitali per crescere” (digitalipercrescere.it – #digitalipercrescere).

Laboratori di Esperienza Digitale verranno aperti in tutta Italia, in collaborazione con gli Atenei, nei quali verranno organizzati eventi di formazione gratuita per aiutare le PMI a intraprendere un percorso d’innovazione e i giovani ad acquisire competenze professionali in linea con gli attuali trend tecnologici. Per il primo anno verranno coinvolte 300.000 aziende con progetti da sviluppare in 13 Regioni: PMI e giovani potranno interagire con gli esperti del settore e i Partner Microsoft con la possibilità di usufruire di strumenti come il check-up digitale della propria impresa e la formazione virtuale, per accrescere le competenze digitali o creare la propria startup. A sostenere l’iniziativa il Ministero dello Sviluppo Edonomico e quello dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Tra i partner strategici figurano strutture di primo livello come Unioncamere, le Università stesse, Poste Italiane, Intel, ma anche Acer, Asus, HP, Lenovo, Nokia, Panasonic, Sony, Toshiba, e ovviamente 27.000 operatori italiani parte dell’ecosistema Microsoft.

David Di Castro
@daviddicastro11

Apple, ecco l’iPad Air e non solo…

E alla fine arrivò l’iPad 5, o meglio l’iPad Air. L’attesissimo keynote Apple è servito infatti per presentare al mondo il nuovo iPad davvero superlativo. 500 grammi di peso per appena 7,5 millimetri di spessore: ci stiamo avvicinando sempre più al foglio di carta di fatto! La CPU e la grafica sono due volte più veloci grazie al nuovo chip A7, lo stesso dei nuovi iPhone 5. L’inserimento di una seconda antenna per migliorare le prestazioni in wifi è l’altra grande novità dell’iPad Air.

Ma non è finita qui. Tim Cook e soci, hanno presentato anche l’iPad Mini con display Retina, anche questo potenziato con il chip A7 e la doppia antenna.

Novità importanti anche per i Mac. È già pronto l’aggiornamento del sistema operativo OSX Mavericks che ottimizza la memoria RAM e quella condivisa con la GPU; inoltre, ecco Mappe e iBooks e un’infinità di miglioramenti anche per Safari.

Ma chi non ha ancora un Mac a breve potrà avere l’opportunità di avere i MacBook migliori di sempre, ovviamente con display Retina. Con un design più sottile, i 13 e 15 pollici appaiono davvero straordinari e offrono prestazioni superiori con prezzi d’attacco più bassi rispetto alle generazioni precedenti. Il modello base da 13 pollici monta un processore Intel i5 dual core 2.4 Ghz, 4 GB DRAM e 128 GB di SSD, mentre quello da 15 pollici un Intel i7 quad core 2.4 Ghz, 8 GB DRAM e 256 GB di SSD.

David Di Castro
@daviddicastro

Al via la 50ª edizione dello SMAU

Ha preso il via a Milano la cinquantesima edizione dello Smau, appuntamento attesissimo per appassionati di tecnologia, ma ormai divenuto punto di riferimento anche per chi vuol fare impresa o presentare progetti. Avaya, Aruba, Cisco, Dell, Fujitsu, Huawei, IBM, Infor, Intel, Lenovo, Microsoft, NetApp, Salesforce, Sap, Teamsystem, Vodafone, Wacom e Zucchetti sono solo una parte delle grandi aziende presenti all’evento che da questa mattina ha aperto i battenti a Fieramilanocity  nei Padiglioni 1 e 2, per una tre giorni in cui opportunità sarà la parola chiave. Accanto ai grandi player del digital Smau ospita una nuova area denominata IBX Innovazione per il Business Expo, che raccoglierà l’ecosistema dell’innovazione italiana: tantissime startup, laboratori, centri di ricerca, acceleratori d’innovazione e gli Assessorati alle Attività Produttive e all’Innovazione delle principali Regioni Italiane. Un Village Anci Lombardia sarà invece dedicato ai Comuni e alle Autonomie locali della Regione volto a facilitare l’incontro e la condivisione di esperienze con imprese e pubbliche amministrazioni in visita.

 

Tecnologia e innovazione convivono in un unico ambiente per offrire ad appassionati e addetti ai lavori di trovare la propria strada. da un lato l’area dedicata alle tecnologie digitali per le imprese con il proprio calendario di eventi, premi e workshop a cura delle più prestigiose scuole di formazione manageriale italiane, School of Management del Politecnico di Milano e Sda Bocconi School of Management e società di consulenza come Gartner, dall’altro un’area che ospiterà oltre 200 strutture tra centri di ricerca, laboratori, incubatori, acceleratori di innovazione e startup, provenienti da tutta Italia accompagnati dagli Assessorati alle Attività Produttive, Innovazione delle più dinamiche Regioni Italiane, tra cui, per citarne alcune, Regione Lombardia, Piemonte, Toscana, Veneto, Puglia e molte altre.

Dpixel, Italia Startup, l’associazione che riunisce l’ecosistema di startup italiane, il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT, Bergamo Sviluppo, Teze Mechatronics, PoliHub, H-Farm, 2i3T – Incubatore Imprese dell’Università di Torino, Enne3, I3P – Incubatore Imprese Innovative Politecnico di Torino, M31, Treviso Tecnologia e molti altri, sono presenti con il proprio sistema di giovani imprese. Più di 50 sono le startup provenienti dalle diverse città d’Italia e conosciute nel 2013 durante il Roadshow Smau.

Durante la kermesse milanese saranno assegnati due premi: il “Premio Smart City” giunto alla sua seconda edizione milanese, e il “Premio e-Government: i campioni del riuso” in cui saranno premiati i migliori progetti a riuso grazie alle tecnologie digitali.

David Di Castro
@daviddicastro11

Apple, novità all’orizzonte

Ottobre dovrebbe essere un mese importante per Apple. Dopo le novità del mese scorso, con la presentazione dei nuovi iPhone5, i geni di Cupertino lanceranno altri prodotti che certamente faranno parlare di sé. Il prossimo 22 ottobre, infatti, dovrebbe essere presentato il nuovo iPad, il quinto della serie, che potrebbe essere più fino e leggero, ma soprattutto dovrebbe montare il nuovo processore A7. I più ottimisti, addirittura, prevedono il lancio dell’iPad Mini di seconda generazione.

Infine, dal 25 ottobre sarà presente sugli scaffali degli Apple Store italiani e nei principali negozi di elettronica il nuovo iPhone5 S, quello con il lettore di impronte digitali per intenderci, lo stesso che, secondo i ben informati dovrebbe essere presente sulle nuove generazioni di iPad e iPad Mini.

A questo punto mancherebbe solo lo smartwatch…

David Di Castro

@daviddicastro11

Maker Faire Rome: un successo annunciato

Un successo straordinario. Sono stati oltre trentamila i visitatori (tra cui noi) che hanno preso d’assedio i botteghini del Palazzo dei Congressi di Roma, per assistere al Maker Faire, alla sua prima edizione europea. Un motivo di vanto per la Capitale, ma anche per gli organizzatori e tutti coloro che hanno reso possibile tutto ciò, in primis chiaramente i makers, giunti in oltre 250 per prendere parte a questo evento. 3000 invenzioni realizzate che hanno lasciato a bocca aperta i visitatori, un’infinità di stampe 3D, robot simpatici e funzionali, migliaia i kit Arduino venduti, centinaia le schede Galileo di Intel consegnate. E, ovviamente, tanto business con ordini effettuati per alcune delle iniziative più significative. Ovviamente orgogliosi gli organizzatori. “È davvero incredibile questo successo se pensiamo che alla prima Maker Faire newyorkese c’erano 35.000 persone. Sono stati davvero 4 giorni intensi che hanno dimostrato che c’è una parte consistente del nostro Paese pronta a fare il prossimo passo verso un nuovo futuro”, ha detto Massimo Banzi, co fondatore di Arduino e selezionatore dei progetti. Gli fa eco Dale Dougherty, fondatore del movimento dei Maker: “Sono emozionato, questa è la più bella edizione di una Maker Faire fuori dagli Usa, posso solo dire che il movimento dei Maker parla decisamente italiano e che saremo molto lieti di proseguire questa collaborazione con gli organizzatori”.
A concludere, le parole emozionate e soddisfatte di Riccardo Luna, curatore dell’evento.
“È stato davvero un grande successo. E’ la prima volta che l’innovazione diventa una festa popolare, con famiglie, bambini e migliaia di ragazzi che hanno toccato con mano le invenzioni che ci cambieranno la vita”.

David Di Castro
@daviddicastro11

Accordo importante tra Intel e Arduino

Iniziativa importante di Intel Corporation. È stato il CEO del colosso dell’informatica Brian Krzanich ad annunciare un accordo di collaborazione con Arduino LLC la principale piattaforma hardware open source nella community di maker e della didattica. Il CEO di Intel ha anche presentato al mondo la scheda Intel® Galileo, il primo prodotto di una nuova famiglia di schede di sviluppo compatibili con Arduino e basate su architettura Intel. I kit di sviluppo e l’interfaccia di programmazione software Arduino facilitano la creazione di oggetti o ambienti interattivi per artisti, designer e appassionati del fai da te, che spesso non hanno un background tecnico al quale poter ricorrere. Attraverso Galileo Intel e la community di Arduino possono collaborare attivamente a progetti futuri per offrire nuove opportunità di sviluppo alle sempre più numerose community di maker.

Sempre nell’ambito di questa iniziativa, Krzanich ha annunciato una donazione di 50.000 schede Intel® Galileo da fornire a 1.000 università di tutto il mondo nei prossimi 18 mesi.
“Con un impegno costante nel settore dell’istruzione, sappiamo che l’apprendimento interattivo stimola l’interesse verso le scienze, la tecnologia, l’ingegneria e la matematica”, ha commentato Krzanich. “Sono un ‘maker’ da diversi anni e sono entusiasta delle infinite possibilità offerte dalla tecnologia e di ciò che consente di creare. Ci auguriamo di continuare una collaborazione produttiva con Arduino e di fornire a questa community alcuni prodotti Intel straordinari destinati a spingere i confini della nostra immaginazione”.

David Di Castro

@daviddicastro11

Microsoft presenta Surface2 e Surface Pro2

A partire dal 22 ottobre, presso i punti vendita Microsoft e sul sito http://www.MicrosoftStore.com, saranno in vendita due nuovi prodotti del colosso americano. Microsoft Corp. ha annunciato oggi i nuovi tablet Microsoft Surface: Surface 2 e Surface Pro. Inizialmente saranno disponibili in 22 mercati – che comprendono Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Hong Kong, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti – e verranno distribuiti in Cina all’inizio di novembre..

Surface 2 e Surface Pro 2 presentano entrambi aggiornamenti significativi, miglioramenti in termini di potenza di elaborazione, durata della batteria, visualizzazione e risoluzione della fotocamera, nonché un supporto integrato ottimizzato con doppia angolazione per un utilizzo più confortevole, sia alla scrivania che senza appoggio. Grazie ai miglioramenti di Windows RT 8.1 e Windows 8.1 Pro, Surface 2 e Surface Pro 2 sono ancora più potenti e personalizzabili

Surface 2
Surface 2 è il tablet ideale per l’utilizzo personale. Offre tutte le funzionalità di intrattenimento e di gioco che l’utente si aspetta da un tablet, oltre alla possibilità di svolgere attività lavorative. È basato su un processore NVIDIA Tegra 4, per garantire maggior velocità e fluidità nell’esecuzione delle app, nonché una durata della batteria prolungata fino a 10 ore nella riproduzione di video. Il display HD ClearType da 10,6 pollici offre un rendering video da 1080p per una visione ottimale di programmi e film, la porta USB di dimensioni standard è stata aggiornata alla versione USB 3.0 per garantire trasferimenti di file fino a quattro volte più veloci. È stata inoltre aumentata fino a 3,5 megapixel la risoluzione della fotocamera anteriore e fino a 5 megapixel la risoluzione della fotocamera posteriore, entrambe in grado di catturare video con risoluzione 1080p e offrono prestazioni migliorate in ambienti scarsamente illuminati, così che le conversazioni con i contatti preferiti saranno ora ancora più nitide e chiare.

Surface 2 viene fornito con Windows RT 8.1 e con miglioramenti in aree chiave quali personalizzazione, ricerca, multitasking, app native, esperienza Windows Store e connettività cloud. L’utente avrà inoltre a disposizione il nuovo Xbox Music per riprodurre in streaming milioni di brani musicali gratuitamente, un’app Video aggiornata e giochi entusiasmanti disponibili su Windows Store come Halo: Spartan Assault, per un divertimento senza sosta. Per le attività di lavoro, Surface 2 offre una versione di Microsoft Office 2013 RT precaricata che include Outlook RT. Per iniziare a lavorare è sufficiente fare clic su una cover Touch o con tasti. Surface 2 è disponibile nella configurazione da 32 GB e da 64 GB a partire da 439 Euro.

Surface Pro 2
Surface Pro 2 è il successore di Surface Pro e si può considerare un vero e proprio dispositivo sostitutivo del computer portatile, in grado di eseguire qualsiasi prodotto software Windows, inclusa l’intera famiglia di prodotti Microsoft Office2, oltre alle app del Windows Store. Surface Pro 2 offre la portabilità e la semplicità di un tablet e al tempo stesso – quando necessario – la potenza e la flessibilità di un computer portatile. Il processore Intel Core i5 di quarta generazione, combinato con altri miglioramenti, garantisce prestazioni elevate e fino al 60% in più di durata della batteria rispetto a Surface Pro. Surface Pro 2 sarà disponibile a partire da 889 Euro con configurazione da 64 GB e da 128 GB con 4 GB di RAM e con configurazione da 256 GB e da 512 GB con 8 GB di RAM.

David Di Castro

@daviddicastro11

 

NAD rinnova VISO1: per un ufficio hi-tech

Un ufficio hi-tech. Questa è sempre più la tendenza del momento. Con l’evoluzione della tecnologia, che negli ultimi venti anni ha fatto passi da gigante, rendendo obsoleto qualsiasi cosa antecedente all’iPhone, ad esempio, regalarsi e regalare ai propri collaboratori un ufficio piacevole da vivere può contribuire a creare un’atmosfera certamente più produttiva. E ci sono molti modi per farlo. Tv sempre più grandi e tecnologiche in grado di far funzionare app interessanti, ma anche sistemi audio belli a vedersi e funzionali al massimo. NAD, brand da sempre sinonimo di alta qualità acustica, rinnova il suo sistema musicale VISO1 portandone la qualità d’ascolto ad un livello senza eguali e integrando le connettività AirPlay® e Bluetooth APT-X. È un sistema musicale digitale che combina l’innovativa tecnologia audio digitale con le prestazioni NAD. Le più sofisticate tecnologie audio oggi disponibili hanno stimolato NAD a ricercare un design allo stesso tempo elegante e funzionale. L’inserimento di due importanti tecnologie wireless come AirPlay® e Bluetooth ad alta qualità APT-X, ha permesso ai designer di modificare la livrea del nuovo VISO 1 AP eliminando la dock per iDevice precedentemente installata sul frontale.
L’amplificazione è basata sull’esclusiva tecnologia Direct Digital di NAD, che elimina dal percorso del segnale ogni circuitazione analogica offrendo elevata efficienza e consumi energetici ridotti, con preziosi vantaggi nell’ascolto della musica. Tutto ciò assicura un ottimizzazione del segnale in rapporto agli altoparlanti impiegati (bi-amplificazione, crossover elettronico) e, nello stesso tempo, l’assenza di qualsiasi manipolazione del segnale digitale originario.
Inoltre, il nuovo VISO 1 AP offre un collegamento digitale ottico, utilissimo, ad esempio, per consentirne il collegamento dei moderni TV (pressoché tutti dotati di uscita audio in formato digitale ottico) migliorandone così in maniera eclatante la resa audio.

David Di Castro
@daviddicastro11

Iphone 5S e 5C: pronti al lancio

Ogni presentazione Apple è un evento. Perché ci si aspetta sempre qualcosa di importante dall’azienda di Cupertino. E bisogna dire che le aspettative sono quasi sempre ben riposte. Questa sera, alle 19 ora italiana, Tim Cook ha svelato al mondo le caratteristiche dei nuovi attesissimi iPhone 5. Oltre al 5S, come da programma, è stato presentato anche il 5C, modello economico destinato ad un pubblico appassionato ma più giovanile. Ma andiamo per ordine. La vera perla è il 5S che si presenta anche nei colori oro, argento e grigio siderale, e con lo splendido guscio in alluminio. 7,6 mm di spessore e 112 grammi di peso; dentro l’elegante scocca, il processore A7 con architettura a 64 bit ed il coprocessore M7. Il risultato? Prestazioni maestose con una velocità impressionante. Il tutto senza scalfire le prestazioni della batteria.

Ma la vera novità è rappresentata dal Touch ID. Che cos’è? Osservate il nuovo tasto Home, basta poggiarci il dito, il vostro solamente, e l’iPhone si attiverà. Di fatto l’iPhone 5S monta un lettore di impronte digitali: fondamentale per un apparecchio che è sempre più l’alter ego del nostro io. La fotocamera è invece rimasta immutata dal punto di vista dei megapixel, ma ora l’iPhone 5S monta un nuovo sensore, più grande, che permette una qualità fotografica nettamente superiore. Ovviamente supporta le reti LTE e nasce già con l’iOS7 installato.

Il 5C è sempre un iPhone, con tanta qualità. Come ci si aspettava sarà disponibile in 5 colori accesi e divertenti e con cover disegnate appositamente, il 5C sarà nettamente più economico rispetto al 5S. La scocca è in plastica (a cui è fissato il telaio in acciaio che funge anche da antenna) e il touch screen in vetro. Leggermente più pesante (132 grammi) monta il processore A6 ed il display Retina, oltre alla fotocamera da 8 megapixel. Come il 5S ha già installato iOS7 e supporta le reti LTE.

In Italia arriveranno a dicembre. IOS7 sarà invece disponibile come aggiornamento gratuito dal 18 settembre.

David Di Castro
@daviddicastro11

Samsung Gear, ha inizio l’era degli smartwatch

È ufficialmente iniziata l’era dei gadget indossabili. In attesa degli occhiali che ci faranno impazzire nel 2014, Samsung ha svelato al mondo il suo smartwatch, in occasione dell’IFA di Berlino, battendo sul tempo la storica rivale Apple, la quale a sua volta ha reso noto l’evento del prossimo 10 settembre quando verranno proposti i nuovi iPhone.
Si chiama Galaxy Gear e nasce con l’intento di offrire agli utenti la possibilità di non dover guardare il proprio smartphone continuamente per vedere se ci sono mail o news interessanti, oltre chiaramente a permetterne l’utilizzo come telefono attraverso il controllo vocale. Presentato insieme al Galaxy Note 3 e al Note 10.1, il Gear vuole rappresentare una sorta di collegamento, via Bluetooth, tra questi stessi dispositivi (non certo gli unici) e l’utilizzatore.
Il design non è poi molto diverso rispetto a quello di molti altri orologi digitali. Il quadrante rettangolare di plastica e metallo lo rende decisamente trendy, ma sono le sue capacità tecnologiche che lo fanno apparire appetibile ali occhi degli appassionati. Lo schermo piatto da 1,63 pollici è fantastico, il processore da 800 mHz,  i 4 giga di memoria e i 512 di ram, chiariscono che non stiamo parlando di un giocattolo. La videocamera da 1,9 megapixel è posta sul cinturino. Due microfoni, un altoparlante, accelerometro e giroscopio, completano il quadro d’insieme che porta il Gear a pesare appena 74 grammi. Il tasto “Home” è posto sulla cassa e chiaramente è utilizzabile anche per accendere e spegnere il dispositivo; attraverso i tasti laterali, invece, si accede alle varie funzioni. Le notifiche delle mail, degli sms, delle chiamate perse e quant’altro vengono segnalate in tempo reale, i comandi vocali permettono di gestire molte funzioni, come ad esempio aggiornare il calendario degli appuntamenti.
Sarà venduto a partire dal prossimo 25 settembre in 149 Paesi del mondo, tra i quali certamente l’Italia.

David Di Castro
@daviddicastro11