TAG Heuer Autavia: edizione limitata per l’85º compleanno di Jack

In occasione degli 85 anni di Jack Heuer, TAG Heuer presenta un’edizione limitata di uno dei suoi più celebri orologi, il famoso Autavia, il cronografo da pilota simbolo degli anni Sessanta, divenuto negli anni vero e proprio oggetto da collezione tra gli amanti degli orologi.

Nato da una collaborazione tra TAG Heuer e lo stesso Jack Heuer, Presidente Onorario del marchio, che ne ha curato personalmente tutte le fasi della riedizione, la nuova versione dell’icona dei cronografi Heuer sarà limitata a 1932 pezzi, l’ anno di nascita di Jack.

Riferendosi all’Autavia, Jack Heuer ha dichiarato: ” Quella dell’Autavia è una storia intensa e piena di colpi di scena. È un grande orgoglio per me aver trasformato i cronografi in orologi da polso Autavia nel 1962; per questo motivo nutro un particolare affetto per questa collezione: è il primo pezzo che ho disegnato e oggi sono fiero di presentare la mia ultima creazione”.

Più imponente del suo predecessore – 42 mm di diametro rispetto ai 39 degli anni sessanta – lunetta graduata 12 ore, nuovo movimento cronografo di manifattura – il calibro Heuer-02, l’Autavia di ultima generazione possiede i canoni estetici dell’originale, ma declinati alle esigenze del consumatore moderno. Le sue funzionalità soddisfano le richieste attuali: calibro automatico, autonomia di 80 ore, data alle ore 6, impermeabilità fino a 100 metri.

Il nuovo Autavia si caratterizza inoltre da un un look rétro rivisitato con tocchi di modernità: pulsanti a fungo, corona zigrinata, logo Heuer e cinturino in acciaio “a chicchi di riso”, che gli conferiscono un’aria decisamente vintage. La lunetta zigrinata bidirezionale in alluminio nero racchiude un quadrante in argento con tre contatori neri decorati a cerchi concentrici, disposti in modo ideale.

Il numero 1/1932 dell’edizione limitata farà inoltre parte dell’asta “Heuer Parade” organizzata da Philipps il 11 novembre prossimo a Ginevra.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *